DCH_CULTURE IS SHARED

Promuovere la cultura, e allo stesso tempo uno stile di vita, partendo da un appartamento sito nella parte più affascinante di una città d’arte, non più in maniera passiva ma sperimentando in una dimensione molto più personale, emotiva e soprattutto condivisa, si può realmente!


Un sostenibile modo di vivere e conoscere la città a partire da un luogo intimo e privato attraverso un progetto di open housing. Una nuova forma di convivialità e ospitalità, una cena (prenotazioni esclusivamente online), una conversazione, una visita alle creazioni di artisti e creativi (acquisti esclusivamente online), un laboratorio creativo e di approfondimento, un’originale visita alla città di Verona.

Deuda ConceptHaus come catalizzatore culturale utile a sviluppare  il settore culturale minore e di tutti coloro che vi operano nel modo di intendere e proporre l’eccellenza del Made In Italy, non solo in chiave di prodotto ma anche di stile di vita.

Creare una relazione diretta, condivisa e ospitale in cui la quotidianità trova una sintesi tra arte, architettura, design, scenografia, artigianato artistico, moda, costume, scenografia e home decor.

Innanzitutto per Deuda Concepthausinnovazione culturale” si intende un mix fra innovazione cognitiva e innovazione sociale. La prima parte da un concetto di scoperta ed intuizione nella modalità di concepirlo e promuoverlo, la seconda riguarda aspetti più attenti al consumo, alla circolazione e alla trasmissione degli stessi contenuti culturali. La proposta di design collaborativo firmata DCH infatti intende abbattere “mura” mettendo assieme tali approcci che solitamente in Italia tendono a restare separati, promuovere così un’azione quotidiana puntuale che tenda a spezzare la ripetizione dell’identico con un impegno costante e duraturo invece nella ricerca, nell’educazione e nella comunicazione della proposta culturale offerta…

Somewhere in The Historic Centre of Verona.

Attuare così una logica collaborativa, online (piattaforma digitale) e offline (appartamento al piano nobile di un palazzo nel centro storico) per avvicinare l’offerta e la domanda di servizi culturali, atta alla valorizzazione del Patrimonio Minore – così detto solo perché più difficile da intercettare e definibile anche come “minoranza vitale”, attualmente unica reale promotrice  della valorizzazione del territorio e delle sue competenze. 

Un progetto in cui calano le barriere tra pubblico, padroni di casa, artisti, stilisti, designer, creativiartigiani creando delle nuove esperienze che, proprio perché vissute grazie alla fruizione della location stessa, diventano più facilmente raccontabili, favorendone così la diffusione e la divulgazione condividendo tutte le esperienze attraverso la piattaforma digitale e i social network correlati.

Un plus nel passaggio dalla connessione online a quella offline e viceversa, convertire un contatto virtuale in un’esperienza reale condivisa.

Il modello culturale proposto da Deuda ConceptHaus infatti non vuole seguire solo logiche collaborative promosse da tecnologie digitali permettono di vivere l’arte ma anche il design, la moda, il costume, l’artigianato artistico in modo più personale, promuovendo nuovi modi di fare cultura partendo dal basso – come gli spazi intimi e privati di un appartamento con elementi decorativi e storici di pregio  con nuove modalità di diffusione mettendo direttamente in contatto le persone per scambiare, condividere prodotti, servizi e soprattutto per partecipare alla costruzione di un reale valore condiviso.

Deuda Concepthaus si prefigge di essere anche showroom, un’area espositiva e atelier rappresentando così un benvenuto per artisti, creativi, designer, stilisti a partecipare insieme ai cambiamenti nell’offerta dell’architettura, dell’arte, della moda e del design in un contesto di lifestyle innovativo capace di rievocare costantemente la Memoria.

DCH. CULTURE IS SHARED!


Per maggiori informazioni e prenotazioni invia una mail a: info@deudaconcepthaus.it


02_NEW_LOGO_DEUDACONCEPTHAUS